A Malta focus sul programma PRIMA che ha lanciato l’agenda strategica e un sondaggio

La ricerca e l’innovazione sosterranno sempre di più la cooperazione nell’area euro-mediterranea. Con l’obiettivo di favorire la partecipazione a programmi scientifici internazionali, 42 ministri della ricerca di paesi Ue e non Ue si sono riuniti a Malta, dove con la Dichiarazione di Valletta hanno firmato un documento ad hoc.

La conferenza è stata l’occasione per un focus sul programma PRIMA – Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area, coordinato per il Miur dal professor Angelo Riccaboni, dell’Università di Siena.

PRIMA, che il Commissario Europeo Carlos Moedas ha indicato come il programma di cooperazione scientifica più importante mai lanciato nel Mediterraneo, mira a promuovere ricerca di eccellenza, a individuare soluzioni a supporto delle comunità dei consumatori e delle imprese in grado di affrontare le sfide nei settori dell’acqua e delle produzioni alimentari, oltre a stabilire collaborazioni tra ricercatori e innovatori.

E proprio a Malta è stato definito il piano strategico di ricerca di PRIMA, che individua le priorità per gli 8 obiettivi operativi in cui si articola l’iniziativa, cioè agricoltura “smart” e sostenibile, soluzioni per il risparmio idrico, nutrizione e dieta mediterranea, efficienza della catena alimentare e idrica, riduzione dell’impatto di infestanti e patogeni, modelli di business innovativi nell’industria agroalimentare,       sostenibilità per suolo e acqua negli spartiacque aridi e semiaridi, politiche e governance dei sistemi di gestione dell’acqua.

Intanto, per un coinvolgimento diretto degli stakeholder, nel corso della conferenza di Malta il programma PRIMA ha lanciato un sondaggio pubblico, pensato soprattutto per il mondo della ricerca e delle imprese. Gli stakeholder sono chiamati a esprimersi sull’agenda strategica della Partnership e i dati raccolti serviranno a strutturare piani di ricerca sui temi più emergenti e più vicini alle esigenze che vengono dalle società del Mediterraneo.

L’agenda strategica di PRIMA e il sondaggio sono sul sito del programma, http://4prima.org/

Risposte entro il 31 maggio.

A.G.