Nuovo museo universitario di Strumentaria medica nella chiesa settecentesca della maddalena

Un nuovo museo universitario  è nato all’interno della settecentesca chiesa di Santa Maria Maddalena, di proprietà dell’Ateneo, rimasta chiusa per lungo tempo al pubblico.

Si tratta del museo universitario di Strumentaria medica, in cui e collezioni di antichi strumenti medici vengono valorizzate e rese fruibili per le attività di didattica e di divulgazione scientifica che caratterizzano l’intero Sistema museale universitario senese.

Il museo è il risultato di un lungo percorso che ha visto nell’arco di oltre 20 anni l’Ateneo senese impegnato attraverso il Centro per la tutela e la valorizzazione dell’antico patrimonio scientifico (CUTVAP) nella raccolta e nella salvaguardia degli strumenti provenienti dallo Spedale Santa Maria della Scala, da alcuni Istituti universitari e da donazioni di privati.

Nell’allestimento che trova spazio all’interno della chiesa, alla poltrona da dentista risalente agli anni Venti del Novecento si affiancano sul presbiterio un antico tavolo operatorio in legno databile agli anni Cinquanta del XIX secolo, modelli settecenteschi in terracotta per l’insegnamento dell’Ostetricia, ferri ostetrici d’epoca lorenese. Il percorso si sviluppa poi attraverso una postazione di Oculistica della prima metà del Novecento, modelli e preparati realizzati nei secoli per fini didattici, fino a giungere in una piccola sala adiacente, l’antico parlatorio delle monache di clausura, dove un tavolo settorio dei vecchi Istituti Anatomici non più esistenti, una selezioni di antichi ferri chirurgici, uno scheletro ottocentesco e tavole anatomiche digitalizzate ricreano lo spazio della dissezione, momento fondamentale per la ricerca e l’insegnamento dell’Anatomia.

Il progetto del museo è stato ideato da Francesca Vannozzi, professoressa di Storia della Medicina, e da Davide Orsini, che hanno curato la parte scientifica, mentre l’allestimento e la grafica sono stati seguiti dall’ufficio Tecnico dell’Ateneo. Grazie all’ufficio Accoglienza disabili i testi dei pannelli informativi sono tradotti anche in codice Braille.

Il museo di strumentaria medica è un percorso nella storia dell’arte medica senese, e permette di conoscere un luogo – il convento di Santa Maria Maddalena – che dalla fine del Settecento è stato un educandato per ragazze, per divenire ospedale di riserva nel corso della Prima Guerra mondiale, Preventorio antitubercolare negli anni Trenta del Novecento per ospitare i bambini allontanati temporaneamente dalle famiglie dove fosse presente un malato di tubercolosi, e infine dal 1938 sede della Scuola convitto per infermiere.

 

29 settembre 2017