Ricerca: bene l’utilizzo dei fondi nazionali, male per i fondi europei

Sui 2,4 miliardi previsti per il primo triennio di operatività del programma nazionale della ricerca (Pnr), il Miur conta di superare quota 2,5 miliardi, arrivando così al 104% di utilizzo rispetto agli obiettivi previsti. 

A fronte di una crescita dell’utilizzo dei fondi nazionali, la capacità di attrarre le risorse comunitarie resta bassa. Con una quota dell’8,2% dei fondi conquistati dall’Italia, ma un tasso di successo dei progetti italiani che si ferma al 10%, contro una media Ue del 14% (la Germania è al 18%).

Leggi sul Sole 24 ore:

http://www.scuola24.ilsole24ore.com/art/universita-e-ricerca/2018-01-16/italia-due-facce-ok-fondi-nazionali-solo-l-8percento-risorse-ue-202059.php?uuid=AEG7btjD

 

17 gennaio 2018