Il Miur ha assegnato all’Ateneo 23 ricercatori di tipo B

Ventitré nuovi ricercatori di tipo B entreranno nell’organico dell’Università di Siena, grazie all’assegnazione decretata dal Miur, in base a quanto stabilito lo scorso dicembre dalla legge di bilancio 2018.  Il numero dei ricercatori assegnato è stato formulato secondo quattro parametri: un’assegnazione di base, il numero dei dipartimenti coinvolti nella valutazione di eccellenza, i dati della valutazione della ricerca e il riequilibrio della presenza di giovani nelle università.

Grande la soddisfazione del rettore Francesco Frati: “Anche in questa occasione in cui il MIUR distribuisce risorse su criteri premiali, l’Università di Siena dimostra il proprio valore, risultando premiata ben oltre il proprio peso specifico standard sul sistema. La disponibilità di questo finanziamento ci permetterà di consolidare il nostro organico, compensando, almeno in parte, i pensionamenti e, cosa ancora più importante, reclutando giovani studiosi. Si tratta di un altro passaggio importante nel percorso di sviluppo dell’Ateneo, che ancora una volta è soprattutto l’esito dell’ottimo lavoro di ricerca che viene svolto all’Università di Siena”.

Il finanziamento complessivo che verrà attribuito all’Università di Siena ammonta a oltre 1,5 Milioni di Euro. I concorsi per la selezione dei vincitori saranno svolti entro il mese di ottobre 2018.