Le piattaforme digitali e il cambiamento sociale. When Everything is a Platform, 16 aprile

Google, Uber, Airbnb, Spotify, Facebook sono piattaforme digitali e mezzi di comunicazione che con la loro azione hanno trasformato la società, le relazioni, il lavoro, introducendo “un nuovo paradigma di creazione di valore”. A partire dall’approccio dei media studies e dell’economia politica dei media, alcuni studiosi internazionali si sono dati appuntamento al Santa Chiara Lab per approfondire la conoscenza del funzionamento di queste piattaforme/mezzi di comunicazione, e delle ricadute sociali che stanno provocando sia nel mondo del consumo, dalla parte degli utenti, che in quello della produzione e fornitura di servizi, dalla parte dei lavoratori. Interventi di: Robert Prey, autore di studi sulla creazione di nuovi spazi sociali nell’ambito di fruizione della musica; Ignacio Gallego Perez, che ha approfondito il tema della mercificazione dell’ascolto e delle nuove relazioni nelle piattaforme digitali; Antonello Romano, Stefano Picascia, Cristina Capineri, autori di uno studio su Airbnb che ha raccolto un grande interesse dei media; Alessandro Gandini, esperto degli aspetti sociologici che riguardano il lavoro in riferimento alle piattaforme digitali; Adam Arvidsson, sociologo della globalizzazione e dei nuovi media, che interverrà sul nuovo concetto di capitalismo, dopo le trasformazioni introdotte dall’economia delle piattaforme digitali.

Spiega Tiziano Bonini, responsabile scientifico della giornata di studi: “Se il concetto di media si è ormai esteso ben oltre i mezzi di comunicazione di massa tradizionali, non solo piattaforme mediali come Facebook e Spotify ma anche altre come Airbnb e Uber entrano nella sfera di interesse dei media studies e dell’economia politica dei media. L’obiettivo di questa giornata è quindi fornire una prospettiva unitaria di fenomeni solo apparentemente diversi”.

A.G.

16 aprile 2018