Prix Bristol des Lumières a Maurizio Bettini per il miglior saggio straniero 2016

Maurizio Bettini, ordinario di filologia classica all’Università di Siena, studioso di fama internazionale, ha ricevuto a Parigi il Brix Bristol des Lumières per la traduzione francese di Elogio del politeismo (Il Mulino), giudicato il miglior saggio straniero 2016. La giuria presieduta dall’economista Jacques Attali ha così premiato il volume edito in Francia da Les Belles Lettres, un lavoro che ha destato molto interesse nel mondo della cultura per l’attualità del tema trattato: un’analisi del tutto originale del fenomeno della violenza a carattere religioso che colpisce il mondo contemporaneo e che invece è rimasta sconosciuta nel mondo degli antichi greci e romani.
Bettini, i cui saggi sono stati tradotti in diverse lingue – molto noti negli Stati Uniti- dall’inizio degli anni Ottanta ha svolto ricerca nell’ambito della classicità introducendo trasversalmente l’antropologia come strumento di comprensione e di analisi, accogliendo e innovando in modo del tutto originale correnti di pensiero nate nel mondo anglosassone.

 

25 novembre 2016