Aziende e università insieme nel progetto Suma per una città sempre più tecnologica e sostenibile

Tre aziende Graziella Green Power, Zucchetti Centro Sistemi e Netsens e quattro università toscane Firenze, Pisa, Siena e Scuola Superiore Sant’Anna hanno unito le proprie competenze per affrontare la sfida di una città sempre più tecnologica, efficiente e sostenibile, basata sulla filosofia del “Green Thinking”. La collaborazione è scaturita dalla partecipazione all’innovativo Progetto Suma (Struttura urbana multifunzionale attiva) all’interno del Bando FAR FAS 2014, finanziato con risorse POR CreO FESR Toscana 2014-2020 Azione 1.1.5.a3 e risorse della Regione Toscana.
La creazione di nuove soluzioni per la gestione, l’accumulo e la distribuzione di energia prodotta da fonti rinnovabili sono stati gli obiettivi principali di questa Partnership, affrontati aggiungendo sfide ambiziose nei campi della meccanica avanzata, della robotica, dell’elettronica, della telematica e dell’Information Technology..
Il progetto aveva come obiettivo concreto quello di sviluppare un sistema integrato attivo in termini energetici, distribuito nel territorio della Regione Toscana, che potesse costituire un punto di aggregazione, con caratteristiche anche architettonicamente distintive, dove fosse ottimizzata la gestione dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e fornire servizi avanzati ed innovativi al cittadino e alle imprese.
Grazie alla realizzazione di vari dimostratori, alcuni di questi visibili durante il convegno finale di oggi, 12 novembre alla Casa dell’Energia di Arezzo, si è potuto mettere in pratica ciò che prima era solo teorico. Si sono quindi concretizzate, su scala ridotta, le potenzialità applicative in ambito urbano, industriale e nella logistica. Sono stati utilizzati algoritmi e sistemi basati sull’Intelligenza artificiale che, grazie all’apprendimento automatico, hanno potuto creare modelli autosufficienti per la gestione dei flussi energetici, per effettuare la detection di anomalie e per gestire sistemi di mobilità in ambito logistico e di pubblica utilità.
L’Università di Siena ha partecipato con il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione e Scienze matematiche e in particolare con il professor Marco Maggini. “Il Progetto Suma – ha detto in occasione dell’evento di presentazione dei risultati – ha permesso di consolidare le nostre competenze sull’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico e sui sistemi di gestione ed elaborazione dati ad un dominio applicativo di notevole attualità, creando sinergie con aziende ad alto valore tecnologico sul territorio della Regione con ricadute di pubblica utilità”.

 

18.11.2021